Giorgio Cordini

Chitarrista e compositore

25 ottobre 2017

Ancora una recensione di “Piccole Storie” curata da Pietro Rubino su “Il Popolo del Blues”

Ancora una recensione di “Piccole Storie” curata da Pietro Rubino su “Il Popolo del Blues”

Sulle tracce di Faber

23 OTTOBRE 2017

Difficile introdurre in poche righe la figura di Giorgio Cordini: una carriera lunga cinquant’anni costellata di illustri collaborazioni, in primis con Fabrizio De André. Sebbene gli interessi musicali del cantautore bresciano siano molteplici – compresa una passione indomabile per il blues-rock – è proprio alla tradizione del folk italiano che si lega strettamente “Piccole Storie”, lavoro inciso nel 2015. Di De André, Cordini riprende oltre a certe forma musicali una serie di ricorrenze tematiche: l’attenzione per le figure femminili come testimoni “illuminate” del flusso della storia (“Angelina”), gli eventi bellici quali specchio lucido delle contraddizioni e del dolore umano – in uno sforzo indefesso di conservazione della memoria collettiva e dei suoi insegnamenti. Lo accompagnano nella narrazione amici di peso, come Marino Severini dei Gang (“Mordere i Sassi”), il mai dimenticato Claudio Lolli (la splendida “Cevo 3 luglio 1944”): contributi che non si limitano all’elemento prettamente autoriale, bensì arricchiscono il panorama musicale del disco.
Alla fine troviamo persino un delizioso strumentale, “Respiro di Pace”, a chiudere le 9 grandi storie di Giorgio Cordini……

logo3